IL BESTIARIO


BLOB

Grossa ameba parassita di colore verdastro, dotata di ventose che, una volta afferrata la potenziale preda, ben difficilmente se ne distaccano, facendo di fatto del Blob un indesiderato ospite succhiasangue.

Gli occhi e la bocca sono seminascosti dal verde molliccio del corpo, che assume diverse forme, per meglio mimetizzarsi con l'acqua melmosa di paludi ed acquitrini. Deve il suo nome al suono gorgogliante che emette quando è fuori dal suo elemento-culla - l'acqua di stagni ed acquitrini: “blob-blob” appunto.

La prima a dar notizie di un incontro ravvicinato con questa strana creatura fu Mirygow, Signora del Popolo degli Allevatori di Draghi, che così lo descrive nelle sue “Cronache dei Nidi e Territori limitrofi”.

Scientificamente non saprei come definirlo: è una sorta di ameba-ventosa che proprio non ne vuole sapere di scollarsi. L'ho amorevolmente definito Blob.

Dopo il primo approccio mi accorsi che aveva anche gli occhi... beh forse da qualche parte avrà anche la bocca!

Il fatto era che erano ben tre giorni che ce l'avevo addosso!!!

Stava invadendo la mia privacy, sempre con quegli occhi a guardare. Non sembrava soffrire la fame - o non mi spiego ancora in che modo si nutrisse.

Per staccarlo usai un rimedio piuttosto crudele: lo carbonizzai... però funzionò!

Occhio che vivono sul fondo dei laghetti: si piazzano in mezzo alle alghette e aspettano che qualche ingenuo si avvicini per attaccarsi... anche se in effetti io mi ci sono spiaccicata da sola. Insomma, gente, attenzione: se non volete portavi appresso un fastidioso ospite, guardate dove mettete i piedi!

Di cosa si nutre?

E' oramai appurato che il blob si nutre del sangue degli esseri viventi ai quali si attacca, più o meno come fanno le sanguisughe, solo che essendo assai più grande di queste, esso riesce a succhiarne una quantità più ingente, provocando pericolose anemie che – se non si interviene a distaccare il blob in tempi ragionevolmente brevi – minano lentamente il fisico delle vittime fino a condurle alla morte.

Dove vive?

Palude Fangosa - Valle dei Nidi



This opera by www.oasiashura.net is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.