IL BESTIARIO


BROUG

Di questa enorme tartaruga riferisce la famosa esploratrice dei Cavalieri del Cielo Gloria.

Il nome deriva sicuramente dal verso che fa quando si infuria. Un suono basso, possente, che si sente per diversi chilometri lungo le vallate dei ghiacciai.

E' una specie di grossa (veramente grossa) tartaruga. Solo che, a differenza delle tartarughe più grosse conosciute in altre terre, è fornita di tre file di denti lunghi e aguzzi!

E' grosso più o meno quanto un elefante, con la testa sporgente grossa come un barile. La corazza deve pesare almeno un paio di tonnellate.

Si mimetizza che è un piacere, tra i grossi massi sulla montagna, e attacca come se la sua testa fosse una molla: aspetta con il testone ritirato nel carapace finchè la preda non gli passa davanti, e poi la sbatte fuori con la bocca aperta e spezza il collo alla vittima con un solo colpo.

Il corpo grigio è coperto di scaglie: visto anche da vicino sembra decisamente una roccia, escluso il fatto che si intravedono i buchi delle zampe.

La prim volta che me lo sono trovato sul cammino, per poco la preda non la facevo io! Ero a caccia di un cervo dalle lunghe corna ramificate, poco fuori dal bosco, su un sentiero a mezza costa della montagna. Era da un po' che lo inseguivo a piedi, ma non ero ancora riuscita a colpirlo perchè si presentava sempre in una posizione sbagliata per scoccare una freccia letale. Pochi balzi e mi distanziava di un centinaio di metri, poi si fermava a brucare qualche ciuffo d'erba o qualche rametto verde. Appena mi ribeccava sul sentiero, spiccava ancora qualche salto, ma ormai era stanco. Anch'io allo stremo, decido infine di scoccare la freccia appena si presenta la minima occasione. Ecco: scocco la freccia. Purtroppo non colpisce un punto vitale e il cervo fugge verso un passaggio tra due rocce enormi.

Uno scatto fulmineo e vedo il cervo con la spina dorsale spaccata contro la roccia della montagna.

Solo il movimento successivo indica la vera natura dell'essere. Dopo pochi morsi delle possenti mascelle del cervo non rimasero nemmeno le ossa.

Un cnsiglio, tenetevi alla larga da questa bestiaccia. La pelle è così dura che nemmeno una lancia riesce a trapassarla.


Di cosa si nutre?

Il broug, a differenza delle normali tartarughe, è un feroce predatore carnivoro.


Dove vive?

Ghiacciai dell'Arcobaleno


This opera by www.oasiashura.net is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.