GLI DEI DI ASHURA



A'AKK-ZUL, IL MALE PRIMORDIALE

Nella remota antichità di Ashura, nell'epoca compresa tra il 6500 eil 7000 PA, presso alcune popolazioni tribali del nord prese campo il culto dell'entità caotica denominata A'AKK-ZUL.

Era questi l'incarnazione del male assoluto e primordiale, non maschio e non femmina, non vivo non e morto, non luce e non tenebra, malvagità pura che traeva (ed ancor oggi trae) energia dalle passioni e dai sentimenti esasperati degli uomini, quelli che da sempre si volgono alla rabbia, dalla rabbia all'odio e dall'odio alla malvagità, in una spirarle senza fine di soprusi, vendette e guerre che continuano perennemente ad alimentare il demone del caos, rendendolo sempre più forte ad ogni nuova esplosione della violenza umana.

Dapprima si trattò di un piccolo numero di uomini dediti al vizio e all'abuso. Praticavano riti oscuri e sacrifici umani e si dice persino che si cibassero delle carni delle vittime sacrificali per essere rigenerati dal loro sangue.

In realtà pare si tratti del lato oscuro insito in ciascun essere, a qualunque razza appartenga e ad esso possono forse essere ascritte varie tradizioni oscure praticate in tutta Ashura. Il lato oscuro che sempre riemerge dall'animo umano e che crea nuovi ritorni al potere di questa entità, che nonostante le innumerevoli lotte combattute in tutti i tempi non è mai del tutto vinta.

La stasi e lunghi periodi di sonno senziente sono quanto di più simile alla sconfitta possa conoscere questa entità, che sconfitta del tutto mai non sarà poichè al primo pensiero d'egoismo, brama occulta ed abuso, essa sarà pronta a manifestarsi, alimentarsi, risorgere e prendere forza.

In epoca più recente, intorno al 1330 DA, nel sottosuolo di Ashura i germi dell'Antico Demone si preparavano a restaurare l'antico potere. Gli Elfi del Deserto vennero sollecitati ad una nuova alleanza, ma gli esiti di questa vicenda sono ancora incerti, poichè ancora questa storia non si è conclusa.

Una cosa soltanto è chiara: comunque andranno a finire le cose per i nostri eroi, A'akk-Zul non potrà mai essere del tutto sconfitto se non temporaneamente. E sempre continueranno ad albergare i suoi semi nei cuori degli uomini, nella loro brama di potere, nella loro sete di sangue e violenza, nel loro odio e nella loro rabbia.

L'Equilibrio è l'unico possibile argine ad una nuova ascesa del demone e dei suoi orrendi accoliti.




This opera by www.oasiashura.net is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.