GLI DEI DI ASHURA



LATHANYA

Divinità caotica del Sottosuolo, che insieme a Amoriak e Thorok fa parte della Triade Oscura venerata dagli Orchi. E' raffigurata come una femmina drow, sul cui corpo camminano Ragni, Scorpioni e Serpenti, animali di cui ama assumere le sembianze.

Lathanya è la principale servitrice di Ortisha nella guerra contro la razza elfica ed esercita il suo potere per mezzo delle femmine della razza Drow. Alla stessa Ortisha ella deve in effetti la propria esistenza, essendone stata risvegliata insieme agli altri Dei del Sottosuolo nell'anno 8100 PA, quando all'apice della potenza del Male Primordiale, A'akk-Zul concesse enormi poteri alle entità a lui fedeli, tra cui appunto Ortisha.

Lathanya è acerrima nemica della Dea Argentata Seline e il suo scopo primario è la distruzione degli Elfi Argentati e del popolo alleato dei Silvergardners; più volte, nel corso della Storia di Ashura, ella ha tentato di impadronirsi dell'Oasi dei Giardini d'Argento, con le sue armate di orchi, ma essi non hanno mai più osato attaccare quell'oasi dopo la disfatta subita nell'anno 9999 PA ad opera degli elfi argentati e degli elfi bianchi, riuniti sotto il patrocinio della Dea Seline.

Per questo Lathanya odia profondamente gli Elfi dei Ghiacci che proteggono il luogo dove sono riuniti i Custodi dell'Arcobaleno, che lei vorrebbe corrompere con le sue malie seduttive, e una volta corrotti, ci sarebbero gravi conseguenze.

Lathanya non ricorre al male nella sua forma più grezza e violenta, ma la utilizza con estrema astuzia, finezza e spesso con la Seduzione, puntando sul desiderio del cuore degli umani e spacciando il male per il bene, facendo cadere cosi anche i più virtuosi. Quando ha bisogno di compiere azioni violente contro la razza umana, ricorre alla brutale crudeltà tipica degli Orchi, ma generalmente non si interessa delle faccende umane e ignora tutte le altre divinità, essendo già abbastanza impegnata a lottare contro la Dea Argentata.

Lathanya è venerata esclusivamente dai Drow, ma è rispettata anche dagli Urk e da alcune Seduttrici umane dal temperamento maligno, che la invocano nei loro riti, ma soltanto se hanno veramente un'alta conoscenza della magia arcana.

Lathanya è subdola ed astuta ed è persino capace di mediare con diplomazia per raggiungere i propri scopi: non c'è da sorprendersi che, pur di raggiungere il fine ultimo del male, ella sia talvolta disposta a compiere azioni apparentemente pacifiche e bonarie.




This opera by www.oasiashura.net is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.