TERRITORIO DEI PALADINI



BOSCHETTO DEGLI ACERI ROSSI

Si tratta di un grazioso boschetto che deve il nome agli alberi dalle rosse fronde che fin dall'inizio dei tempi ne sono i millenari guardiani. Si trova ai confini della Valle dei Nidi, estendendosi verso ovest, fino alle sponde del fiume Silver, nel quale affluisce un ruscello che porta il nome del bosco. L'area boschiva è raggiungibile dalla Valle dei Cavalli, attraverso un ponte di legno edificato all'inizio dell'era contemporanea da Lady Lys, che amava profondamente questo boschetto in cui soleva addormentarsi e attingere dai sogni la saggezza e i messaggi che la ispiravano a combattere per le cause dei deboli, così come aveva appreso a fare nei primi giorni del suo soggiorno ad Ashura presso il Tempio dei Sogni Nuovi.

Verso nord il bosco termina con vaste conformazioni rocciose che sono parte dei Monti Impervi.

La fauna locale è pressappoco la stessa che si trova nella Foresta dell’Unicorno, con la sola eccezione di una specie particolare che non ha riscontro in altri territori di Ashura: gli orsetti Maggins che sono ghiotti della corteccia e del nettare degli Aceri Rossi. La vegetazione è prevalentemente costituita dagli Aceri che danno il nome al boschetto: da tali alberi si ricava uno zucchero sciroppato dolciastro, utilizzato sopratutto per la produzione di dolci locali e come dolcificante per mascherare il sapore degli ingredienti curativi... e talvolta anche del veleno. Nascosto nel profondo del bosco si trova il Monastero del Bosco degli Aceri dedicato alla dea Epona.



This opera by www.oasiashura.net is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.