I PERSONAGGI DI ASHURA


TERRITORIO DEI PALADINI


EOWYN DEI CAVALLI:

A lei si deve la rifondazione dell'Ordine dei Paladini nell'Era Moderna e per questo il suo nome e quello della sua Compagna d'Arme Lys permangono nella memoria collettiva, pur se le due nobili guerriere hanno lasciato Ashura da molti anni. Riportiamo pertanto la storia dell'arrivo di Lady Eowyn ad Ashura, poiché questo spiega di lei molte cose, compresa la sua repentina partenza.

Eowyn era nata figlia di re, ma nella sua terra d’origine, il re era soltanto uno più abile degli altri nella doma e nell’allevamento dei cavalli.

Il popolo di quelle contrade era pacifico ed orgoglioso ed il re era sempre stato per tutti come un padre buono che si preoccupava del benessere di tutti, uomini e cavalli. I cavalli della speciale razza Sherwyn erano l’unica grande ricchezza di quella gente. Cavalli di tutti i colori e di tutte le taglie, fieri, coraggiosi, intelligenti, resistenti e veloci: in una parola i migliori!

La legge prevedeva che, alla morte del re, il trono dovesse andare, fra tutti i discendenti in linea diretta, al più abile nella doma e nell’allevamento dei cavalli, indipendentemente dal fatto che si trattasse di un maschio o di una femmina. Eowyn era la figlia più piccola, ma i cavalli erano stati i suoi compagni di gioco fin dalla più tenera infanzia. Il padre si compiaceva della sua capacità di fare amicizia anche con i puledri più ombrosi, che accettavano di portarla in groppa a pelo, aggrappata alla loro criniera. Nessuno dei suoi fratelli era capace di starle alla pari.

Ma quando il re morì, i suoi fratelli le dissero che era troppo giovane per governare e che il popolo non avrebbe mai accettato una donna come guida.

Eowyn era allora molto giovane e si fidava dei fratelli, anche se non aveva mai condiviso con loro i giochi d’infanzia. Sapeva però che i fieri Sherwyn non si sarebbero mai inchinati ai loro voleri, a meno che lei stessa non avesse continuato ad occuparsene. Così accettò di lasciar loro il trono, a patto che le fosse affidata la cura dei cavalli. I fratelli dissero che andava bene, ma quando Wolfang, il primogenito, si insediò sul trono del padre, Heinz e Rupert cominciarono a recarsi ogni giorno alle scuderie, per controllare il lavoro di Eowyn.

I cavalli si innervosivano sempre quando li vedevano entrare, ma soltanto più tardi la giovane ne scoprì il motivo. E lo scoprì a sue spese, il giorno in cui venne annunciata la visita di un principe degli stati confinanti. Il principe voleva comprare tre Sherwyn per le scuderie reali ed Eowyn aveva lavorato duramente per addestrare i puledri migliori. Ma la notte prima della visita del principe, Heinz e Rupert andarono nelle scuderie e tormentarono i cavalli fino a farli schiumare di rabbia. Gli scudieri li videro e lo riferirono ad Eowyn, che vedendo come i cavalli fossero troppo nervosi, decise di mostrarne altri tre al principe. Ma il giorno dopo, i fratelli, che accompagnavano il principe alle scuderie, passando davanti ai box dei tre cavalli che avevano “lavorato” durante la notte, proposero al principe una specie di rodeo, ch quest'ultimoe naturalmente accettò. Eowyn cercò in tutti i modi di dissuaderlo, ma egli non la volle ascoltare.

Com'era prevedibile, nessuno fu in grado di restare in sella più di cinque secondi, compreso il principe, che naturalmente montò su tutte le furie. Fu così che re Wolfang colse al volo l'occasione per togliere ad Eowyn l'incarico di Sovrintendente dei Cavalli, per punirla della sua evidente incapacità nella doma. L'incarico venne affidato a Rupert ed Heinz. Ma non era tutto: Wolfgang era fermamente intenzionato a togliersi definitivamente dai piedi quell'ingombrante sorella e, come ulteriore punizione, ordinò l’immediato abbattimento dei tre puledri ed offrì Eowyn al principe come risarcimento per l’onta subita.

Fortunatamente Eowyn era molto benvoluta dagli scudieri, che non avevano mai visto di buon occhio Rupert ed Heinz; così decisero di creare un diversivo per darle il tempo di salvarsi dalla sorte cui Wolfgang l'aveva destinata. Corsero a liberare i cavalli, aizzandoli al galoppo. generale che si era creata, aizzarono i cavalli Ben presto si scatenò un putiferio tutt’intorno alle scuderie e, nel caos che ne seguì, Eowyn riuscì a saltare in groppa ad uno dei tre stalloni che dovevano essere abbattuti e a fuggire al galoppo, seguita dalla maggior parte dei cavalli del re.

Galoppò senza tregua fino a raggiungere l’estremo confine della sua terra, ulle rive del mare. Riuscì ad ottenere un passaggio per se stessa e per venti Sherwyn su una nave in partenza per Ashura, in cambio dei restanti cavalli, che il capitano della nave le promise sarebbero stati trattati con cura.

Giunta al Molo dei Sogni, incontrò una sacerdotessa, che la invitò ad alloggiare presso il Tempio dei Sogni Nuovi. Durante il suo soggiorno, Eowyn apprese dell’esistenza, nel territorio confinante con la Valle dei Sogni, di un castello in rovina, circondato da un’ampia valle pianeggiante. Era il luogo che cercava, per vivere in pace con i suoi cavalli. E poichè per ottenere il diritto di alloggiarvi doveva prestare il Giuramento dei Paladini, accolse volentieri questa condizione proprio perchè lei stessa era stata vittima di una grave ingiustizia ed era ben felice di porre il suo braccio al servizio della lotta contro ogni sopruso. Per aiutarla nella sua futura cerca, i sacerdoti del tempio le donarono la mitica spada Justice, che era da poco stata ritrovata nei sotterranei del Tempio dei Sogni Nuovi.

Ma fin da allora, nel segreto del suo cuore, Eowyn sognava di poter tornare un giorno – forte nel braccio e scaltra nella mente - nella sua terra d’origine per rovesciare il governo dei tiranni e riportarvi la giustizia.

E così è stato. Ma torniamo al suo operato ad Ashura.

Poco tempo dopo il suo insediamento al Castello, Eowyn fu raggiunta da Lady Lys, che divenne la sua leale compagna d'armi e che fu di fondamentale aiuto per l'esecuzione dei primi indispensabili lavori di restauro per rendere il castello nuovamente agibile, dopo decennii di abbandono. Le due paladine lavorarono indefessamente per giorni e giorni, ma furono presto raggiunte da altri aspiranti paladini e l'Ordine lentamente tornò agli antichi fasti. Fu la stessa Eowyn a voler riportare in auge ad Ashura anche il culto della Dea dei cavalli Epona, a cui la sua gente aveva sempre tributato grandi onori, e per festeggiare la restaurazione dellOrdine dei Paladini, diede ordine di costruire un sontuoso tempio a lei dedicato al centro della Valle dei Cavalli.

Molte sono le imprese che di lei si ricordano, ma la più epica fu senz'altro la sua battaglia contro le oscure forze che tentavano di ripristinare il crudele culto di Aa'kk-Zul. In quella battaglia, Lady Eowyn si distinse per il valore e la sua spada Justice cantò la gloria del suo braccio. Ma da quell'impresa, Eowyn ne uscì segnata per sempre: il suo carattere – che prima era stato fiducioso e incline al riso – divenne gelido e cupo e lei stessa pareva forgiata nell'acciaio tanta era la durezza che aleggiava nei suoi occhi. Probabilmente fu questo che la convinse a fare ritorno alla sua terra natale per tentare di realizzare il suo sogno e riportare la giustizia alla sua gente. Lady Lys – anch'ella reduce da una tremenda battaglia a Nortgarthen, che le aveva creato un profondo conflitto di coscienza, decise di accompagnarla al di là del mare e da allora nessuno più le ha viste nelle Oasi di Ashura, ma non è detto che un giorno, un veliero gonfio di vento e di gloria, non le riporti tra noi per combattere nuove battaglie ed infiammare i cuori con il nobile ideale della Giustizia.



This opera by www.oasiashura.net is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.