Solo il fuoco forgia il ferro!


RAZZE E ABITANTI:
Elfi del Deserto, Umani del Ceppo Orientale, Non-Morti, Demoni

TIPO DI TERRENO E CLIMA: Deserto di sabbia e rocce granitiche, arido e inospitale. Clima rovente.

ORDINAMENTO SOCIALE E PRINCIPALI RISORSE: Il territorio in superficie non ha alcun ordinamento sociale, essendo attraversato solo occasionalmente da gente di passaggio diretta altrove e certamente non ansiosa di stabilirsi in quella sede. Nel sottosuolo, la citta' elfica di Azibel e' governata da un Re, che viene scelto da secoli in seno alla medesima famiglia, coadiuvato dal Consiglio degli Anziani e dal possente Mago Mellenwars, che e' in realta' molto piu' antico e sapiente di quanto il suo venerando aspetto non lasci supporre. Gli Elfi del Deserto fondano la loro sopravvivenza sull'Equilibrio degli Opposti e sulla sorveglianza stretta attuata nei confronti del demone A'akk-zul, che loro chiamano Sum-Haraz, e che e' l'uguale e l'opposto della triade della creazione: Lagartos, Corujal e Lirion. Esistono anche alcuni popoli umani nomadi: i Vrulak, gli Uomin Viola ed i Dervati. I veri dominatori delle sabbie roventi sono tuttavia gli Zombies, spettri che vagano nel nulla del deserto.

LUOGHI RILEVANTI:
Azibel: Citta' sotterranea in cui risiedono gli Elfi del Deserto. Pur essendo tale luogo celato nelle viscere del sottosuolo, la notte e il giorno si alternano in esso, e cosi' fanno il vento, il sole, la pioggia e la neve, esattamente come avviene in superficie nelle zone temperate: tutto questo e' possibile soltanto grazie alla magia elfica. Il portale che da' accesso ad essa e' sigillato e nessuno vi puo' penetrare a meno che non sia autorizzato da uno dei membri del Consiglio o della Famiglia Reale.

Rovine di Teunandes: In realta' tutto cio' che rimane dell'antica citta' che fu sede del culto di A'akk-Zul sono le rovine di quello che ne fu il tempio, con un altissimo obelisco d'alabastro nero che si erge al centro esatto dell'antico insediamento. Le rovine si ergono al sud del deserto.

Caverna dei Volti Morti: Al centro del Deserto di Ashahara si ergono alcune formazioni rocciose di granito rosa e giallo, che l'erosione del vento e della sabbia ha scolpito in forma di volti spettrali. Nella roccia centrale, spesso sommersa dalla sabbia, si apre una caverna che ha la forma di una bocca sdentata. In quella caverna c'e' la Fonte del Sigillo, una sorgente che sgorga da una parete di roccia muschiosa e che va a raccogliersi in un bacino di ossidiana verde, pregevole manufatto elfico. Le pareti della caverna narrano la storia di Azibel e Teunandes e le profezie legate al ritorno del demone. Altre caverne si dipartono da quella ed una di esse conduce nelle piu' remote profondita' del sottosuolo, fino al mondo infero popolato dagli spettri e dai non-morti..



Ancora non è stato pubblicato il Manuale di quest'Oasi.

Visualizza la Mappa di dettaglio del Deserto di Ashahara.

Torna alla Mappa di Ashura

Torna alle Oasi